Mariano Moroni

Pittore, Architetto e Designer, spazia nelle complessità dell'arte visiva contemporanea. Si distingue per le sue ricerche multidisciplinari legate alla rappresentazione della quotidianità attraverso gli oggetti della produzione industriale, integrando la pittura e la scultura con l'industrial design e l'architettura.

Ha esposto oltre che in Italia, Austria, Cina, Francia, Germania, Giappone, Lussemburgo, Portogallo, Spagna, Ungheria, Stati Uniti. Ha ottenuto riconoscimenti sia nazionali che internazionali; “Giuly”, opera creata per Cordivari, ha ottenuto il premio internazionale “iF Product Design Award 2014”.

Selezionato in concorso dal Peggy Guggenheim Collection di Venezia.

Ha esposto al PAC e al Palazzo della Triennale di Milano, al J.K.J. Center di New York , al Museo dell' Ara Pacis di Roma " Il palazzo della Farnesina e le sue collezioni", con tra gli altri Michelangelo Pistoletto, Ron Arad , Pininfarina , all'Accademia delle Belle Arti di Brera a Milano e Padiglione Italia alla 54° Biennale di Venezia.

Da molti anni collabora con note aziende Italiane creando installazioni e complementi d'arredo. Le sue opere di design, oltre che nelle maggiori città italiane, sono state esposte a Parigi, Francoforte, Londra, Osaka, New York.

Vive e lavora a Nereto.

 

 

Painter, Architect and Designer, versatile artist goes into the complexities of contemporary visual art. It stands out for its multidisciplinary research linked to the representation of everyday life through objects of industrial production , integrating painting and sculpture with the industrial design and architecture .

Exhibits, as well as in Italy, Austria, China, France, Germany, Japan, Luxembourg, Portugal, Spain, Hungary, United States. He was awarded both in Italy and abroad; “Giuly”, work created for Cordivari , won the international prize " iF Product Design Award 2014" .

Selected in competition from the Peggy Guggenheim Collection in Venice.

He has exhibited at the PAC and the Palazzo della Triennale of Milan, the J.K.J. center in New York, the Museum of 'Ara Pacis in Rome "to the Farnesina Palace and its collections", with among others like Michelangelo Pistoletto, Ron Arad, Pininfarina , at the Academy of fine arts of Brera in Milan, in the Italy Pavilion of the 54th. Venice Biennale.

For many years he collaborated with known italian companies creating installations and furnishings. His works of design, as well as in major Italian cities, were exhibited in Paris, Frankfurt, London, Osaka, New York.

Lives and works in Nereto (Italy).

 

 

 

1954

Nasce a Nereto, Te, (IT).

1968

Le sue doti artistiche spingono i genitori ad iscriverlo al Liceo Artistico "G. Misticoni" di Pescara (IT). Tra i suoi docenti Ettore Spalletti, il quale lo introduce all'uso del colore. La pazienza di quest'ultimo sblocca la creatività di Moroni che sino a quel momento aveva disegnato e dipinto solo in bianco e nero. Negli anni del liceo, divenuto laboratorio d'arte a livello nazionale, segue emotivamente i numerosi interventi urbani di Franco Summa.

1972

Si diploma presso il Liceo Artistico di Pescara (IT).

Si reca a Berna (CH) dove studia le opere di Paul Klee.

1973

Apre lo studio d’arte a Nereto (TE).

1975

Inaugura la sua prima mostra personale. Sala comunale S. Allende, Nereto (TE).

1977

Si laurea in architettura. Università G. D'Annunzio, Pescara (IT).

1978

Consegue l'abilitazione alla professione di architetto presso il Politecnico di Milano ed apre lo studio di architettura.

1985

Effettua un lungo viaggio in Francia soggiornando a Parigi.

1986

Visita Praga e Salisburgo. 

Vince il Premio Tercas Architettura (Concorso di idee).

Conosce Leonardo Benevolo, Massimo Carmassi, Aldo Loris Rossi, Giancarlo De Carlo, Giovanni Klaus Koenig.

1988

Compie un lungo viaggio in Cina.

1989

Viaggio significativo a Londra.

1990

Chiude l’esperienza pittorica legata alla nuova figurazione per una nuova ricerca che muove dal post informale.

Compie un interessante viaggio a Mosca e S.Pietroburgo.

1995

Incontra Marcello Venturoli critico d'arte, Premio Viareggio (1951 e 1957) il quale scriverà diversi testi di presentazione.

1997

Ottiene a Ferrara il premio del Ministero dei Beni Culturali.

1999

Partecipa alla realizzazione di un film documento sulle architetture di terra cruda.

Approfondisce le attività di industrial designer.

Inizia la collaborazione come artista e designer con le Aziende Cordivari e Proel.

Per tutti gli anni '80 e '90 compie numerosi viaggi in Spagna e Portogallo. A Madrid visita ripetutamente il Museo del Prado per studiare in particolare le opere del Goya.

2000

Ottiene il 1° premio per la pittura al 44° Salone Internazionale d’Arte di Beziers (FR).

Espone in Austria e in Lussemburgo.

2001

Espone in Germania e in Spagna.

Conosce Maurizio Sciaccaluga, curatore e critico d'arte, con il quale stabilisce un duraturo sodalizio.

2002

Conosce Dacia Maraini in occasione della mostra "Venti artisti e Marianna Ucrìa". 

Al Museo Peggy Guggenheim collection di Venezia è tra i dieci selezionati per il concorso "Ho un’idea addosso".

Ottiene il 1° premio degli artisti all’XI° Salone Internazionale d’Arte di Barcellona.

2003

A Roma incontra Maurizio Calvesi nella sua casa romana.

Premiato nell’ambito del concorso Metra, sistemi d’autore, Bologna.

Espone a Barcellona (ES), Francoforte e Colonia (DE), Parigi (FR).

2004

Espone a Berlino (DE), Roma e Milano (IT).

Osaka (JP), Shangay (CN), Budapest (HU).

2006

Il Museo Michetti di Francavilla al Mare ospita la sua grande personale "Mitologie del Quotidiano", curata da Alessandro Riva.

Compie un viaggio a Creta (GR).

2007

Conosce Vittorio Sgarbi.

Espone alla 58° Edizione del Premio Michetti.

Espone al PAC (Padiglione d'Arte Contemporanea) di Milano.

2008

In mostra al Jacobs K.Javits di New York (USA), selezionato tra i designer italiani.

Espone a Pechino (CN) nell’ambito delle manifestazioni legate alle Olimpiadi.

Fonda il nuovo studio "SusteinableArtProject" ove riunisce le sue attività di artista poliedrico.

Varsavia (PL) vince il premio di design Gold Villa.

Inizia la sua collaborazione come artista e designer con F.lli Guzzini.

2009

Il Palazzo della Triennale di Milano (IT) ospita l’installazione "Survival Tower".

Espone alla 60° edizione del Premio Michetti.

Compie un entusiasmante viaggio in Brasile.

2010

Espone a Parigi (FR) e a Milano (IT) concept products per Cordivari design.

2011

Il comune di Forte dei Marmi allestisce una sua grande antologica a Villa Bertelli, "Le cose oltre le cose".

Espone al Museo dell'Ara Pacis di Roma (IT) nell'ambito della mostra "La Farnesina e le sue collezioni".

Espone al Padiglione Italia alla 54° edizione della Biennale di Venezia, Palazzo delle Esposizioni di Torino (IT).

2013

Viaggio in Irlanda.

2014

Stringe amicizia con l'artista Franco Summa.  

Il termoarredo Giuly, disegnato per Cordivari design, ottiene "iF Product Design Award 2014".

E' tra i soci fondatori dell'associazione culturale no profit "White Hall Factory" per la promozione di tutte le arti.

Compie viaggi in Germania e Cina.

2015

Lo spazio Art in the City a Milano (IT), ospita la Mostra antologica "Nutrire i sensi" con chiaro riferimento al tema Expo.

Cura l'allestimento della personale "Color Mundi - Franco Summa, opere segniche" nello spazio White Hall Factory di Nereto.

2016

Nel borgo di Santo Stefano di Sessanio (AQ) espone la grande tela "6 Aprile", omaggio al territorio aquilano colpito dal grave sisma del 2009.

Collabora alla cura della mostra "Franco Summa - Urban Rainbow" negli spazi della Fondazione Michetti, Francavilla al Mare (CH). 

Stampa Stampa | Mappa del sito
Contenuti by Mariano Moroni © Tutti i diritti riservati